TOKAI Guitars, una storia di qualità
TOKAI Guitars, una storia di qualità

Quando Gold Music ci annunciò l’inizio dell’importazione di Tokai, mi senti come proiettato nel passato, un passato dove i marchi made in Japan, avevano risvegliato in tutti un sentimento di godere per pochi soldi di chitarre fatte benissimo. La storia di Tokai non è nota a tutti, nasce nel 1947 come costruttore di armoniche e si sviluppa passando attraverso la costruzione di pianoforti, melodiche e chitarre classiche ed acustiche. Nel 1972 Tokai è entrato in una joint venture con Martin per fornire parti di chitarra acustica e anche per costruire chitarre Sigma solid body di Martin. Nel 1976 sono iniziate le repliche dei due brand più famosi, non per copiare in maniera gratuita ma per esigenza.In Giappone i marchi Fender e Gibson erano destinati solo a ricchi collezionisti, e musicisti di alto livello visto il costo elevatissimo che avevano, essendo gli artigiani giapponesi degli ottimi liutai e bravi copiatori, decisero che tutti avrebbero dovuto suonare strumenti come una les paul o una stratocaster senza pagare il peso del brand. Nascono così diverse aziende fra cui Tokai, che iniziano una produzione di repliche perfette. Iniziano anche le querele. Le LP Tokai sono di ottima qualità, i materiali ed i legni superiori a le Gibson originali, lo studio approfondito della casa giapponese sulle LP del 1959 da i lsuoi frutti. Bisogna anche considerare che il periodo in cui si inseriscono è la fine degli anni settanta, inizi ottanta, ovvero era CBS al tramonto per quanto riguarda Fender e abbandono di Kalamazoo, che poi continuerà col marchio Heritage, da parte di Gibson, perciò hanno vita facile le chitarre replica MIJ, che incontrano anche il favore di tante star del momento (SRV ad esempio). Tokai rimane sempre uno strumento di grande qualità anche adesso con la sua produzione made in China, suonabilità, pickup, parti di qualita su strumenti che non superano i mille euro ma potrebbero permetterselo. Le MIJ invece sono delle spledide repliche che hanno quel feel da grande strumento, curato fino al maniacale e grandiosamente Les Paul. Per poter valutare voi, venite in negozio e chiedete di provarne una, se non lo avete mai fatto, rimarrete sicuramente entusiasti

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *